India, prima donna su montagna sacra

Dhanya Sanal è la prima donna a scalare la montagna sacra indiana dell’Agasthyakoodam, dopo il via libera del tribunale del Kerala che nello scorso novembre ha definito illegale il tradizionale divieto alle donne di accedere alla cima. Come riporta la Bbc, il divieto era motivato dalla presenza sulla montagna di una statua di Agastya, un saggio indù associato comunemente con la pratica del celibato.

Video

 

 

Rompendo l’ennesima barriera “di genere”, una donna ha iniziato a scalare la seconda vetta più alta del Kerala, dove alle donne era stato vietato salire a causa di un’antica usanza tribale. Dhanya Sanal grazie al via libera del tribunale ha iniziato l’arduo viaggio insieme agli escursionisti di sesso maschile. Dhanya, portavoce del ministero della Difesa a Thiruvananthapuram, è stata l’unica donna nel primo gruppo di 100 trekker che ha deciso di scalare il picco alto di 1.868 metri, noto per la sua bellezza panoramica e la sua biodiversità unica.Vestita di jeans e camicia e con una borsa da viaggio, Dhanya sembrava contenta e sicura mentre si faceva strada tra i 22 km di sentiero forestale.

Il viaggio è capire la foresta di più e condividere l’esperienza unica con gli altri”, ha detto prima di iniziare il viaggio.

Agastyarkoodam, situato nel Neyyar Wildlife Sanctuary, ha aperto per il trekking annuale per la prima volta dopo che l’Alta Corte del Kerala ha stabilito lo scorso novembre che nessuna restrizione di genere sarebbe stata imposta ai trekker.Le tribù locali dei Kani che vivono sulle colline pedemontane si sono opposte. Avevano organizzato proteste contro le donne ma non hanno cercato di fermare i trekker, incluso Dhanya,  visto l’ordine del tribunale.

Oltre 100 indigeni, anche  donne, si sono riuniti a Bonacaud, il punto di raccolta, e hanno cantato canzoni popolari come segno di protesta. Secondo la credenza popolare la catena montuosa è la santa dimora della loro divinità “Agastya Muni”, il mitico saggio indù che si crede sia il guardiano degli abitanti.

 

 

 

 

Lascia un commento